Altri due roghi sono stati appiccati, a distanza di un’ora, nella tarda serata di sabato 6 giugno in via Santa Chiara d’Assisi, nel quartiere Sant'Andrea, dopo l’incendio che si era sviluppato nel pomeriggio dello stesso giorno in un terreno privato (leggi qui) per il quale si era reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco. Identiche scene si sono ripetute in serata, intorno alle 23, sempre nella stessa zona, in un terreno molto vicino, quello abbandonato al termine di via Santa Chiara d’Assisi, adiacente il muro di cinta di un popoloso complesso residenziale, colmo di sterpaglie, erbacce secche e rifiuti, tra cui un copertone. Probabilmente originate da mano dolosa, le fiamme hanno cominciato a propagarsi velocemente fino all’arrivo dei vigili del fuoco di Molfetta, che, come avevano fatto qualche ora prima, hanno spento l’incendio. Il giorno “caldo”, non solo climaticamente, sembrava terminato per i residenti della zona, che però, solo un’ora dopo, tra rabbia e sgomento, hanno ridovuto fare i conti con un altro rogo appiccato verosimilmente dallo stesso autore degli altri due, avvistato anche da alcuni abitanti del rione dai balconi delle proprie abitazioni. Sul posto sono intervenuti nuovamente i pompieri e sono arrivati anche i carabinieri della tenenza di Bisceglie.