Si sono svolti nella serata di ieri gli appuntamenti dedicati a Santa Rita da Cascia organizzati dalla parrocchia di Sant’Adoeno inizialmente previsti per giovedì 21 maggio e slittati causa maltempo.

Partito alle 19 da piazza Castello, il corteo storico, narrante le vicende più importanti della vita di Santa Rita, ha attraversato corso Umberto I, via Porto, via Fragata, via della Repubblica, ancora corso Umberto I, via Imbriani, piazza Vittorio Emanuele II, rampa Schinosa, via Giulio Frisari e via Ottavio Tupputi.

A capo della lunga schiera di personaggi in abiti quattrocenteschi, interpretati dagli appartenenti all'Associazione Santa Rita e dai ragazzi dell’Associazione Schàra, il gruppo storico di sbandieratori e musici della città di Capurso. Quest’ultimo, dopo l’arrivo in piazza Castello, si è esibito aprendo lo spettacolo “Rita, una rosa tra le spine” diretto da Giovanni Bufo e interpretato dai partecipanti al corteo.

Con il castello di Bisceglie come sfondo, illuminato da una forte luce rossa e da piccoli lumini disposti in alto e lungo la rampa d’accesso alla fortificazione, una voce narrante ha raccontato ai presenti la vita della Santa. Purtroppo, appena iniziato lo spettacolo, una fitta pioggia ha creato scompiglio e un po' della gente accorsa per assistere all'evento  è andata via.

Dopo alcuni minuti di attesa, lo spettacolo è ricominciato. Gli spettatori rimasti hanno potuto godere della rappresentazione dell’intensa vita di Santa Rita da Cascia, al secolo Margherita Lotti, diventata monaca agostiniana dopo la morte del marito e dei suoi unici due figli e che, nella fronte, recava una spina della corona di Gesù.