Il capogruppo Pd in consiglio comunale Angelantonio Angarano e la consigliera Roberta Rigante hanno formalmente presentato quesiti all'amministrazione comunale sui temi dei: conguagli zona 167, centro tartarughe, igiene urbana 2017, riqualificazione e recupero dell’area Ripalta Pantano, situazione gas metano nel centro storico, verde pubblico.

“L' avevamo preannunciato in consiglio comunale: disponibilità ad affrontare insieme alcuni temi e prosecuzione dell'attività di segnalazione, denuncia e proposta come minoranza, senza pregiudizi e polemiche strumentali”, hanno dichiarato gli esponenti Pd, “pensiamo di dimostrare così, con i fatti, che l'alternativa politica, amministrativa e civica a Bisceglie sia una prospettiva praticabile”.

CONGUAGLI 167

I consiglieri Pd hanno sottolineato come l’amministrazione comunale abbia richiesto agli assegnatari degli alloggi della zona 167 di corrispondere un conguaglio per l’acquisizione dei suoli. Alle famiglie è stata concessa una dilazione di dieci anni per il pagamento delle somme, senza nessuna garanzia (leggi qui). Il Pd locale intende quindi sapere quale sia allo stato attuale: “Il numero delle domande di rateizzazione presentate ed il relativo importo complessivo; l’ammontare incassato; quanti sono gli assegnatari che sono “in mora” sulle rate e le iniziative che codesta amministrazione sta assumendo per il recupero delle somme; la situazione degli indennizzi dovuti ai proprietari dei suoli; l’elenco delle cause ancora pendenti e la motivazione”.

CENTRO TARTARUGHE

Nel maggio 2016 la giunta comunale di Bisceglie ha espresso indirizzo politico favorevole alla concessione per un periodo di 6 anni dell’immobile di proprietà comunale di via della Libertà n.2. Lo stabile è quello di un ex ristorante sequestrato dalle autorità giudiziarie. L’amministrazione comunale ha dichiarato di voler destinare l’area alla: “promozione della cultura e dell’ambiente marittimo, allo scopo di promuovere ed integrare le particolari esigenze della tutela del patrimonio marittimo in relazione alla sua flora e fauna”.  Gli esponenti democratici in consiglio comunale vorrebbero quindi sapere perché: “non è ancora stato indetto un avviso pubblico per l’affidamento in concessione dell’immobile in oggetto” e inoltre “se l’immobile risulta ancora sottoposto a sequestro giudiziario da parte della Procura della Repubblica di Trani”. Infine i consiglieri Rigante e Angarano chiedono anche se: “alle notizie stampa relative al “Centro recupero tartarughe di Molfetta” corrisponda un reale interessamento, in un’ottica di continuità e valorizzazione della proficua opera di tutela del patrimonio marittimo attuata sinora (leggi qui)”.

IGIENE URBANA

Il Partito Democratico intende sapere se nei confronti del nuovo gestore del servizio igiene urbana di Bisceglie: “ci sono state formali contestazioni per inadempienze ed eventuali decurtazioni”, inoltre i membri dell’opposizione chiedono anche chiarimenti sul: “servizio porta a porta, con particolare riferimento ai seguenti ulteriori aspetti: servizio case sparse; servizio utenze non domestiche del centro urbano e delle periferie” e anche sui servizi di “raccolta domiciliare degli “scarti verdi”; servizio di spazzamento stradale; servizio di pulizia delle spiagge”. I consiglieri Pd intendono anche conoscere: “la situazione dei centri comunali di raccolta ed in particolare: i tempi di riapertura del centro di carrara Salsello” e se al centro di raccolta di via Padre Kolbe vengano attualmente eseguiti “i controlli sulla gestione in conformità alle prescrizioni del regolamento comunale e delle norme sui centri di raccolta”. Formalizzata anche la richiesta per conoscere gli effettivi “tempi di ripristino della green card, l’ammontare complessivo dei contributi da versare ai possessori e lo stato dei relativi versamenti”. In conclusione il capogruppo Angarano e la consigliera Rigante chiedono all’amministrazione comunale se: “sono state attivate le “convenzioni Conai” per tutti i materiali valorizzabili (legno, vetro, plastica, acciaio, alluminio, carta e cartone, RAEE) con i relativi contratti con le piattaforme di conferimento e, nel qual caso, quanto sta ricavando il Comune dalla cessione dei materiali raccolti ai consorzi”.

AREA PANTANO RIPALTA

Diversi mesi fa la Regione Puglia ha adottato uno schema di avviso pubblico per l’assegnazione di fondi volti ad “Interventi per la tutela e valorizzazione della biodiversità terrestre e marina”. I rappresentanti Pd in consiglio comunale intendono sapere se l’amministrazione ha intenzione di partecipare all’avviso pubblico nell’ottica di reperire fondi da stanziare alla zona Pantano Ripalta. “l’amministrazione comunale intende coinvolgere le associazioni ambientaliste e la cittadinanza”, intendono sapere ancora Angarano e Rigante, “al fine di presentare un progetto idoneo e condiviso per contribuire ad arrestare la perdita di biodiversità terrestre e marina, mantenendo e ripristinando i servizi eco-sistemici”.

 GAS METANO NEL CENTRO STORICO

Secondo quanto affermato dai rappresentai del Pd in consiglio comunale sarebbero circa 100 gli alloggi di proprietà comunale presenti nel centro storico e non allacciati alla rete del gas metano. “L’amministrazione comunale ha intenzione di pianificare l’allaccio alla rete del gas metano alle famiglie residenti gli immobili comunali, nel rispetto dei vincoli di tutela per gli edifici nel centro storico?”, domandano gli esponenti democratici dell’opposizione e poi aggiungono ancora: “Si intende aprire uno “sportello” affinché alle stesse famiglie sia consentita una consulenza relativa alla procedura da seguire?”. Inoltre il Partito Democratico domanda se: “in base al numero dei nuovi utenti e della tipologia di reddito del nucleo famigliare, si potrebbe esaminare l’ipotesi di una convenzione con l’azienda fornitrice per tariffe e costi agevolati” e infine se si “vuole esaminare la possibilità di autorizzare gli assegnatari all’anticipo dei costi di impianto, con la previsione un tetto massimo, considerando la spesa come ipotesi di automanutenzione ovvero opera di miglioria, con rimborso a scomputo dei canoni dovuti o da corrispondere”.

VERDE PUBBLICO

Dopo l’assegnazione alla ditta “Mondo Service srl” è ripartita a Bisceglie la manutenzione ordinaria del verde pubblico. A tal proposito gli esponenti del Partito Democratico intendono sapere: “Il numero, le specie arboree, lo stato di salute, degli alberi abbattuti nel territorio del Comune di Bisceglie, complessivamente e zona per zona, nel corso degli ultimi 12 mesi”, ed anche “le procedure con cui gli Uffici comunali hanno concordato preventivamente i suddetti abbattimenti”. Infine i consiglieri Angarano e Rigante vorrebbero capire se dopo questi abbattimenti: “l’amministrazione comunale ha intenzione di ripiantumare nuove specie o varietà arboree in sostituzione dei esemplari precedentemente abbattuti, considerata l’influenza positiva del verde pubblico sulla vivibilità del tessuto urbano e sulla qualità della vita”, e infine se: “si vuole avviare un percorso utile a realizzare un vero e proprio “Catasto del verde pubblico”  e relativo Regolamento comunale, allo scopo di tutelare il verde come elemento qualificante del contesto urbano”